Le nostre iniziative
hanno ottenuto il patrocinio di:

Profeti in Patria

Serafini

»

“…E partì di là e andò nella sua Patria e i discepoli lo seguirono. E venuto il sabato, cominciò ad insegnare nella sinagoga. E i numerosi ascoltatori rimanevano stupiti e dicevano: ‘Da dove gli viene tutta questa scienza? E che sapienza è questa che gli è data? E questi prodigi compiuti dalle sue mani? Questo non è il falegname, il figlio di Maria, il fratello di Giacomo, di Giosé, di Giuda e di Simone? E le sue sorelle non stanno qui da noi?’ E si scandalizzavano.
E Gesù disse loro: ‘Un Profeta non è disprezzato che nella sua Patria, tra la sua parentela e in casa sua’.
E non poté operare qui nessun prodigio, ma solo impose le mani a pochi ammalati e li guarì. E si meravigliava della loro incredulità.
E prese a girare per i villaggi circostanti, insegnando…”

(Marco, 6,1-6)


Il Premio Nazionale d’Eccellenza “Profeti in Patria” nasce con l’obiettivo di sviluppare l’apprezzamento “in patria” dei nostri punti di forza.
Si propone di ribaltare la consuetudine, esecrata perfino dal Vangelo, di una sottovalutazione del meglio che il proprio Paese è in grado di esprimere, promuovendo quelle figure di scienziati, intellettuali, operatori economici, imprenditori, creatori d’arte e cultura che, oltre ad aver raggiunto un altissimo livello nel proprio campo d’intervento, hanno saputo valorizzare il legame con le tradizioni culturali e scientifiche del nostro passato.
Un’occasione per meglio focalizzare lo sviluppo di ciascun settore, considerato non come frammento isolato, bensì come elemento trainante per l’intero Sistema-Paese, in grado di accrescere la percezione della complessiva eccellenza dell’Italia e di incoraggiare la nostra creatività nel presente e nel futuro.
I Vincitori delle varie Edizioni “Profeti in Patria” entrano a far parte della Sezione Speciale della Giuria, costituendo un network d’Eccellenza in grado di potenziare progressivamente le nostre iniziative.

CAMPAGNA NAZIONALE D'ECCELLENZALeggi ▼Chiudi

COMUNICAZIONE   

  QUALITA' DELLA VITA

 

Profeti in Patria edizione 2005-2006Leggi ▼Chiudi

Preceduta da una serie di eventi e convegni, questa edizione del Premio ha visto un più ampio coinvolgimento del pubblico. Alcuni dei premiati, infatti, sono emersi dalla Campagna Nazionale di segnalazione delle Eccellenze svolta attraverso radio e stampa (come l’inventore del semaforo a tre luci, Filippo Ugolini). La cerimonia si è tenuta il 21 novembre 2006 presso il Ministero dell’interno, Istituto Superiore Antincendi, Via del Commercio 13, Roma. Il premio ha ottenuto l’Alto patronato del Presidente della Repubblica.

I premiati

Renzo Arbore, “Profeta” e moltiplicatore di “profeti”;

Mariella Burani, interprete dell’italian style;

Laura Cretara e l’incisione delle monete, un’arte che “tocchiamo” tutti i giorni;

Vini Firriato, proclamato miglior rosso e migliore cantina d’Italia;

Maurizio Flammini, campione di motociclismo e imprenditore dello sport;

Ingegneri e Maestranze della Ferrari, che hanno saputo conciliare la tradizione di un lavoro artigianale con le più innovative scelte tecnologiche;

La Polisportiva delle Fiamme Gialle, vivaio di eccellenze olimpioniche;

La Grappa Trentina, un prodotto tipicamente italiano;

Maurizio Varamo, egregio interprete della scenografia “all’italiana”;

Filippo Ugolini (alla memoria), inventore del semaforo sincrono a tre luci.

La giuria

Rossana Pace, Presidente, Rosario Alessandrello, Stefano Barigelli, Giovanni Bernabei, Sandro Boeri, Gilda Bojardi, Danilo Broggi, Massimo D'Aiuto, Roberto De Mattei, Osvaldo De Santis, Luigi De Simone Niquesa, Pino Donghi, Maurizio Fallace, Giovanni Galoppi, Marisa Giannini, Alessio Gorla, Giuseppe Grandinetti, Maria Giovanna Maglie, Luca Maroni, Mauro Masi, Renato Minore, Paolo Mosca, Giorgio Mulè, Roberto Napoletano, Francesca Nocerino Piergiorgio Odifreddi, Amedeo Ottaviani, Andrea Pamparana, Daniele Renzoni, Aldo G. Ricci, Rosellina Salemi, Alessandro Sallusti, Giuseppe Sanzotta, Renato Serio, Franca Sozzani, Roberto Spingardi, Claudio Strinati, Sergio Valzania, Carla Vanni, Umberto Vattani, Luigi Vianello, Marco Vitale.

Comitato organizzatore

Anna Castelli, Maria Durante, Serena Fergola, Lino Fratta, Carlo Lauretti, Daniela Schiaparelli, Costanza Sciubba Caniglia, Carla Sepe, Elda Turco Bulgherini, Sergio Valente.

Profeti in Patria edizione 2004Leggi ▼Chiudi

La cerimonia di premiazione si è tenuta il 3 Giugno del 2004, nei saloni delle Scuderie del Quirinale, a Roma. Durante la manifestazione è stato possibile ottenere un annullo postale Profeti in Patria, creato appositamente per l’occasione dalle Poste Italiane. Elizabeth Eresh ha messo a disposizione dell’associazione il violino Stradivari conosciuto come “Leonardo da Vinci”, permettendoci di utilizzarlo per un concerto straordinario: il violinista Haik Kazazian, giovanissimo solista della Filarmonica Statale di Mosca e vincitore di svariati premi internazionali, ha accettato di eseguire per noi, con il trecentenario strumento, diversi brani del maestro Paganini.

I premiati

Azienda Amarelli, la liquirizia, dalle radici della nostra Terra al mondo;
Enzo Boschi, che onora la tradizione degli studi sismologici italiani;
Padre Roberto Busa S.J., pioniere dell’informatica come strumento per la cultura;
Leonardo Chiariglione, per la capacità di misurarsi in modo originale con la tecnologia, aprendo all’innovazione le nuove frontiere;
Angelo D’Arrigo, novello pioniere del volo per aver realizzato e aver dato un nuovo significato al sogno di Leonardo;
Fondazione Barsanti e Matteucci, impegnata a sostegno della verità storica sull’invenzione del motore a scoppio;
Fondazione San Raffaele, presidio ospedaliero di Ceglie Messapica, modello all’avanguardia nella ricerca e nella terapia;
Carlo Giantomassi e Donatella Zari, per il lavoro svolto in tanti anni di attività nell’arte del restauro;
Alfonso Mercurio, la firma italiana delle fabbriche di computer di tutto il mondo; Giovanni Minoli, Come comunicare la qualità;
Anna Morelli Addario, per lo straordinario e pluriennale impegno rivolto all’assistenza delle persone disabili;
Luca Maria Patella, l’arte come eclettismo e sperimentazione;
S. Pellegrino, l’acqua, dalle radici della nostra terra al mondo;
Anna Maria Scaravella L’“architetta”dei paesaggi, spot Regione Sicilia di Francesco Taddeucci e Luca Albanese, Il primato del territorio.

La giuria

Rossana Pace, Presidente della Giuria. Rosario Alessandrello, Sandro Boeri, Gilda Bojardi, Danilo Broggi, Vincenzo Conte, Osvaldo De Santis, Luigi de Simone Niques, Giovanni Galoppi, Marisa Giannini, Giuseppe Grandinetti, Padre Franco Imoda S.J., Padre Gaetano Lo Russo, Maria Giovanna Maglie, Gianluca Marchi, Luca Maroni, Renato Minore, Paolo Mosca, Giorgio Mulè, Roberto Napoletano, Piergiorgio Odifreddi, Amedeo Ottaviani, Luciano Petracchi, Antonio Polito, Beniamino Quintieri, Angela Riccio, Alessandro Sallusti, Giuseppe Sanzotta, Renato Serio, Ennio Simeone, Roberto Spingardi, Claudio Strinati, Luigi Vianello.